Mercato Immobiliare: Dati positivi dal III Trimestre 2014, in evidenza il Centro Italia

Finalmente un dato positivo: nel terzo trimestre 2014 sono aumentate le compravendite immobiliari. La fotografia scattata dall’Agenzia delle Entrate parla di un +3,6% rispetto allo stesso periodo del 2013, con il settore residenziale nelle città capoluogo a far da traino (+7%). Bene anche il settore commerciale (+9%), quello produttivo (+1,6%) e le pertinenze (+2,4%). Gli analisti mettono in relazione questa crescita con il sensibile calo dei prezzi registrato da inizio anno, ma anche con una rinnovata fiducia nel Paese e con una maggiore disponibilità sul mercato di prodotti di credito. Resta il fatto che che dal 2004 ad oggi, nonostante il lieve recupero qui raccontato, le compravendite immobiliari in Italia si sono ridotte del 45%.

Le grandi città. Come detto sono soprattutto i grandi capoluoghi a far da traino, dove la crescita di compravendite registrate nel terzo trimestre 2014 sfiora il +10%. Nelle 8 grandi città le compravendite sono salite del 9,6%, a fronte del 7% registrato per il totale dei capoluoghi. Trend positivo anche nelle rispettive province con transazioni che salgono del 4,4% (meglio del dato nazionale del totale dei non capoluoghi, 2,8%). Fanno eccezione le sole province di Torino e di Palermo, dove il “resto della provincia” è in calo rispettivamente dell’1,1% e del 2,4%.

▼ Prosegui lettura ▼

Firenze, Bologna e Milano fanno la parte del leone. Milano si conferma tra le città più dinamiche, considerato che per il quinto trimestre consecutivo fa segnare un rialzo del 6,8%, anche grazie al traino Expo. Positivi anche gli scambi in provincia di Milano: +8,8%, dopo -2,9% registrato nel secondo trimestre 2014. Ancor più eclatanti, però, i balzi di Firenze e Bologna, dove le compravendite sono aumentati di un quasi 20%. Così anche Roma recupera (+11,8%), mentre Torino ancora stenta (+0,7%). Per quel che riguarda il settore residenziale, il Centro Italia (+4,5%) fa meglio sia del Nord (+4,3%) sia dell Sud (+3,6%). Più che positivo, infine, è anche il dato relativo ai comuni minori, dove gli scambi sono tornati a salire del 2,6%.

Share
This entry was posted in Compravendita, Mercato Immobiliare, Omi, Residenziale and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>